Senza categoria

Innamorarsi a Cetara

Mare, profumo di mare, con l’amore io voglio giocare..

Vi vedo, l’avete letta cantando dite la verità.

Chi è ha vissuto come me gli anni ’80 di certo si ricorderà i pomeriggi passati davanti alla TV (mica c’era tutta la scelta che c’è oggi) a guardare telefilm americani sognando di stare altrove. Io ricordo ore ore passate a guardare Love Boat…mi piaceva troppo quella nave immensa che solcava pacifica i mari. E niente, questa canzone mi si è piazzata nella testa appena ho messo piede a Cetara.

colatura di alici

Questo piccolo paese è una perla della Costiera Amalfitana, incastonata nella roccia esposta al sole, dà il meglio di sé tra cielo e mare. Grazie a uno splendido press tour ho avuto modo di conoscerla perché ahimè l’avevo vista fino a qualche giorno fa solo in cartolina. Dopo qualche tornante mozzafiato siamo arrivati in una piazzetta che ha il pregio di avere un balcone enorme che affaccia sul paesino a due passi.

francesca pace food bloggerLa prima tappa del tour ci porta all’azienda Nettuno e la prima cosa che penso è che la colatura di alici è davvero oro colato, altroché.  Ci vuol pazienza, dedizione, perseveranza e soprattutto stomaco visto l’odore forte. Come ci spiega Giulio, erede di terza generazione di questa “poteca” fare la colatura è un mestiere antico nato per sfruttare tutto ciò che i pescatori portavano a riva anche perché prima non c’era molta scelta.

alici come prima

Ora invece la colatura, quella buona che si fa qui, con solo prodotti italiani e raffinata per 3 anni, viene usata anche dagli chef stellati. In una caldissima giornata di Luglio l’appetito non manca. Invidio tanto le persone che con le alte temperature perdono la fame. Fatto sta che Gianluca D’Uva ci porta nella sua splendida trattoria di mare “Alici come prima” dove tra un sorriso, 4 chiacchiere e diverse bollicine ci offre alcune delle sue proposte più interessanti.

Le portate sono equilibrate e gustose, deliziosa la lasagnetta ai fiori di zucca, immancabile la colatura, ma nel mio personale podio si aggiudica il primo posto la frittura di paranza con gamberi e totani. Fritto asciutto e decisamente perfetto! Oltre ai prodotti pescati e cucinati il vanto di Gianluca è anche il suo orto personale, in questo modo terra e mare danno il meglio nei piatti.

Gianluca è affiancato dal giovane chef napoletano Stefano Cavaliere che prima di ritornare in terra natìa ha fatto le ossa al Paesan di Londra e dal 2018 la brigata si arricchisce della presenza di Raffaele Pappalardo, anche lui con esperienze all’estero.  Dopo  un lauto pasto e una moka formato maxi è il tempo di levare le ancore. Il dessert infatti ci aspetta sulla barca che Gianluca usa per fare pescaturismo, un’esperienza questa che i turisti italiani e stranieri amano molto. Perché se Cetara e la Costiera è bella da terra, vista dal mare è incantevole. Sul Salvatore I è possibile pescare e pranzare con ciò che si pesca grazie alla presenza dello chef di bordo. Insomma se volete trascorrere una splendida giornata in un posto delizioso, con tanto buon cibo, il Ristorante Alici come prima vi aspetta per farvi vivere una giornata perfetta a 360 gradi.

Francesca Pace Cetara

Qui il video della giornata!

e’ colpa del mare
del cielo e del mare
sento che sto lasciandomi andare
questo sole che cosa puo’ fare
io non ci credevo
ma posso sognare

Grazie a Laura Gambacorta per l’invito.

Ristorante Alici come prima    

Corso Garibaldi, 9

Cetara (Sa)

 

G

 

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply

CONSIGLIA Insalata di pasta alla feta